Presenze Aliene

giovedì 10 febbraio 2011

Pazzia umana -2- LE SCIE CHIMICHE

di Dario Giacoletto

SCIE CHIMICHE, CHEMTRAILS, IRRORAZIONI CHIMICHE, AREOSOL.
Uno dei tanti aspetti aberranti al quale il genere umano sta attualmente assistendo e di conseguenza subendo, è quello relativo alle così dette scie chimiche o anche, scie di condensa persistenti. Vediamo cosa sono:
PREMESSA:
Gli aerei di linea, quando volano ad una certa altezza, sopra gli 8.000 mt., con umidità relativa superiore al 72%, con  temperatura inferiore ai 42° Celsius, per effetto condensa (reazione caldo/freddo) producono una scia detta di condensa, visibile da terra di giorno, ma presenti anche di notte. Sino ad ora, nessuna autorità ha dimostrato che al di fuori di questi parametri si creano scie di condensa naturali. Queste scie hanno una durata estetica molto limitata, pochi secondi e poi scompaiono quando le condizioni che le hanno create vengono a mancare. Da più o meno la metà degli anni novanta, è cambiato però qualcosa.  Oltre alle scie di condensa come si vedevano prima, sono comparse scie che, anziché dissolversi, persistono e, col passare del tempo, diventano nuvole o meglio, un vago sistema nuvoloso di nuova natura. Producono una velatura persistente che trasmette una sensazione di sporco  e impedisce di vedere nitidamente il cielo. Dopo un lasso di tempo variabile, la velatura decade, ma insorgono nella popolazione sottostante, problemi di respirazione, di allergia, di irritazione, forme asmatiche ecc.. Negli anni novanta, iniziano le prime denunce, le prime raccolte di firme che, vengono presentate a governi diversi e, si indaga. Va precisato che, oltre alle scie preesistenti e alle nuove scie molto persistenti, è comparsa tutta una varietà di scie di persistenza intermedia prima non riscontrabili. Prima degli anni novanta, erano un’eccezione gli aerei che producevano scia; ora sono un’eccezione quelli che non la producono!.. Se il tutto è conseguenza naturale; perché la scienza non evidenzia quali parametri sono cambiati e perché?..
COSA VIENE NOTATO
La prima cosa che viene notata, è che ora compaiono scie quando non ci sono quelle condizioni che prima erano  essenziali per il loro manifestarsi; in particolare sotto gli mt. 8.000 di quota. Può questo fatto essere imputabile a nuovi carburanti?.. ad un inquinamento (elettromagnetico o da progetto Haarp) che eventualmente ne favorisce la formazione?. Forse  le cause sono molteplici.  Gli osservatori notarono però, che le scie erano generate da aerei cisterna militari che, decollavano  da basi militari Nato. Essendo stati individuati, gli apparati militari, prendono provvedimenti. Non più unicamente aerei cisterna, ma aerei  apparentemente civili con a bordo degli irroratori.  Anche questo viene scoperto, in quanto questi aerei viaggiano fuori rotta, spesso l’irrorazione viene effettuata da più aerei contemporaneamente che, viaggiando parallelamente in piccole formazioni, creano nel cielo vere e proprie griglie o reticolati di scie. Viene preso altro provvedimento, altra strategia. Ora vengono posti  gli irroratori, su aerei di linea. I passeggeri civili e svegli però, notano la cosa. Altro provvedimento, ora è proibito fotografare e filmare durante i voli degli aerei che irrorano.
RACCOLTA FIRME E CONTESTAZIONI
Anche in Italia, come in altre parti del mondo, vengono fatte raccolte di firme, vengono richiesti chiarimenti ai governi locali e, per quanto ci riguarda come europei, alla comunità europea. Dibattuto in sede di Comunità Europea, il fenomeno scie chimiche, emergerebbe (a detta di Giulietto Chiesa, giornalista e parlamentare europeo) il riconoscimento delle dette scie chimiche, si tratterebbe di un progetto militare su vasta scala, si evidenzierebbero aspetti di nocività e, nulla sarebbe emerso circa la  finalità di questo progetto. In generale però, i politici nicchiano, fanno  gli gnorri, tirano per le lunghe e, tranne alcune eccezioni, dimostrano di essere dei mercenari al servizio dei loro padroni. Non si curano neanche della loro salute, figuriamoci se sono interessati alla nostra!. Per loro, “Meglio un giorno da leoni che cent’anni da pecora”. Non si rendono conto che loro, sono delle pecore di un giorno, rispetto la vita di questo pianeta. La conclusione, per quanto riguarda l’Italia è : Non essendo stata accertata la nocività del fenomeno, non è il caso di allarmare la popolazione. Perbacco dico io!. intanto questa è una ammissione che il fenomeno esiste; quindi i politici sanno e sino ad ora hanno taciuto. Il fatto che non è stata accertata la nocività, è dovuto semplicemente al fatto che nulla è stato fatto (di ufficialmente ammesso) per accertarla. Se invece è stato fatto e la nocività è stata accertata, questo non ci viene detto e rimane un segreto. La prima conferma che il governo italiano conosceva già in precedenza il fenomeno, se non delle scie, comunque quello delle irrorazioni dall’alto ovvero dell’areosol; viene fornita dal fatto che in data 2002 il governo pianifica, consente e finanzia con soldi nostri, (dieci milioni di euro)  la realizzazione di un progetto di manipolazione climatica che si chiama “Progetto pioggia”. La differenza tra scia chimica e aerosol o irrorazione, consiste nel fatto che con  scie chimiche si intende una irrorazione che è esteticamente visibile; mentre aerosol o irrorazione non presuppone che necessariamente lo sia in quanto vengono fatte anche irrorazioni che visibili non lo sono.
PROGETTO PIOGGIA
Il progetto pioggia della Tecnagro (Azienda del settore) della durata di tre anni, consiste nel sollecitare le nuvole a rilasciare una maggiore quantità di pioggia. La sollecitazione, si realizza inviando un aereo nei pressi delle nuvole ed irrorando con sostanze che eccitano la formazione della goccia. Si tratterebbe a detta loro, di materiale non nocivo in fine polvere di ioduro d’argento in soluzione con l’acetone. Il progetto è già stato sperimentato in Israele. Presenta unicamente un piccolo problema. Se la nuvola che passa sopra la tua testa, la ecciti e gli fai rilasciare più acqua; il vicino tuo sul quale passerà la nuvola, non rilascerà più l’acqua che non possiede più. Non aumenta la quantità dell’acqua piovana; aumenta unicamente la pioggia nel luogo della sollecitazione. Se munge di più il contadino A, munge di meno il contadino B. Economicamente, Sardegna Puglia Sicilia e Basilicata, saranno i beneficiari dell’operazione. L’operazione viene effettuata e terminata in alcuni anni.         Questo è solamente uno, dei numerosi progetti di ricerca relativa alla manipolazione climatica, chi volesse può andare ad indagare tutta una serie di iniziative e di brevetti. La caratteristica che sino ad ora ha differenziato il problema scie chimiche rispetto ai diversi studi effettuati, consiste nella dimensione. Prima era uno studio limitato nello spazio e nel tempo. Ora è persistente e globale. Prima erano istituti di ricerca, ora compare la militarizzazione a disposizione di apparati occulti.
L’INFORMAZIONE
 Degli effetti negativi del progetto Pioggia, nessun mezzo d’informazione di stato, si fa portavoce veritiero. Tutto viene sminuito o al limite viene dato ad intendere che il tutto è fatto nell’interesse dell’umanità. Si dice che è un progetto sperimentale, dando ad intendere che si è all’inizio di questi studi climatici. Questa è la verità?.. No, non è la verità. Da un simposio internazionale tenutosi  a Gand in Belgio, emerge che numerosi scienziati hanno affermato che la manipolazione del clima tramite la trasformazione dei cirri, non è né un falso allarme né una teoria cospirazionista. Si tratta di un problema reale che persiste da circa sessant’anni. Il tutto alla faccia della Convenzione delle Nazioni Unite del 1978 che, ne bandisce l’utilizzo ove vi sia in gioco la salute dei cittadini e dove la sperimentazione inquina. Dobbiamo pensare allora che la manipolazione climatica sarebbe iniziata intorno al 1950?.. Se andiamo ad indagare, scopriamo che ricerche, progetti, brevetti di manipolazione ambientale per fini di gestione climatica oppure per creare danni ambientali, della popolazione o dell’esercito avverso, erano operativi da molto tempo. 
ANALISI DEL MATERIALE IRRORATO
Per iniziativa di enti, di gruppi di ricerca privata e di singoli; vengono svolte delle analisi del materiale irrorato. Si tratta di particolati di diversa sostanza; ma la conclusione momentanea è sconcertante: Si tratta di materiale, tutto quanto nocivo alla salute e all’ambiente. Non è facile capire cosa stanno facendo in quanto le sostanze individuate, sono molteplici, di non facile individuazione, non costantemente uguali. Si tratta di materiale che inquina l’aria, che si posa sul cibo, nell’acqua, sulla nostra pelle. Noi lo respiriamo, lo beviamo, lo mangiamo. Questo materiale entra nel nostro organismo, come ne uscirà, se ne uscirà?..
DIMENSIONI DEL FENOMENO
Il fatto che queste scie sono presenti in tutto il mondo, consente di affermare che ciò che  stanno realizzando coinvolge tutti quanti a livello globale e, se tutti quanti tacciono, significa che la disposizione è che devono tacere tutti quanti. Cosa viene fatto dai burattinai per imporre il tacere?.. Se funziona significa che non consente scampo o perlomeno, scampare equivale a perdere i vantaggi di quella posizione. Siamo di fronte al “mercenariato indotto dal sistema”. La globalizzazione non è qualcosa a venire. Nella forma perversa è  già qui ora, pienamente operativa.
 Il numero degli aerei che costituiscono il traffico aereo noto, è uguale al numero totale degli aerei in cielo, tra cui quelli che generano le scie chimiche?.. certamente la risposta è no. Chi  impone al personale dell’aviazione, sia civile che militare di non parlare?.. La faccenda è di portata enorme. Il numero delle persone che sanno e tacciono è sconcertante. Il costo di una operazione del genere, è di quelli  che frastornano e non lo conosceremo mai. Considerato però che viene fatta, significa che per loro ne vale la pena. Qual è il vero fine?..
FINALITA’ DEL FENOMENO SCIE CHIMICHE
Allo stato attuale delle mie conoscenze, non sono in grado di affermare con certezza quale sia veramente l’intento che soggiace al fenomeno scie chimiche. L’ipotesi che servano per manipolare il clima, a mio parere non regge. Non sto affermando che ciò che fanno non influenza il clima. Il fatto però che vi siano state delle ammissioni ufficiose da parte di autorità, mi induce a considerare la seguente ipotesi: Quando una perversa evidenza non si può nascondere; meglio fare una finta ammissione che ne giustifichi l’esistenza, mitigandola. Io sostengo che da questa operazione d’irrorazione chimica traspaiono  altri obiettivi non chiari. Intanto, l’operazione  potrebbe essere finalizzata, a più obiettivi contemporaneamente; ciò renderebbe più complessa la sua comprensione. L’effetto che producono sul clima, potrebbe essere unicamente una conseguenza di riflesso e non la motivazione base. Se metto su di un piatto della bilancia la dimensione e il costo dell’operazione scie chimiche e dall’altro quanto di utile ma, volendo, anche quello di non utile relativo alla gestione del clima, vedo una sproporzione che non giustifica l’operazione. La si potrebbe invece giustificare se..
GEOINGEGNERIA CLIMATICA COME ARMA
Chi disponesse della capacità di manipolare a piacimento l’andamento climatico; disporrebbe di una forza persuasiva in ottica ricattatoria di dimensioni colossali. Sarebbe in grado di ricattare ogni stato o potere non allineato ovvero piegato alla propria volontà. Potrebbe dire allo stato non consenziente: Se tu non accetti le mie condizioni, io ti scaravento addosso un terremoto, una siccità, un tornado ecc.. possiamo essere certi che non sia già avvenuto?.. chi ci nasconde l’evidenza, non potrebbe nasconderci ancora più facilmente, ciò che è meno individuabile?..
DETRATTORI
In internet, i dibattiti, le polemiche, le contestazioni imperversano. Da una parte i sostenitori di un complotto mondiale che utilizza le irrorazioni per scopi perversi. Dall’altra, coloro che sostengono che sono le solite farneticazioni dei sostenitori del complotto. Per loro le scie così come si vedono oggi, ci sono sempre state (ma poi non lo provano ). È normale, dicono, che aerei di linea in certe condizioni le producano ecc.. Occorre precisare che di questo schieramento, fanno parte due categorie di tifosi. Quelli che per ignoranza tifano per sostenere che non esiste il fenomeno irrorazioni e, quelli che sanno benissimo che esiste ma sono vincolati dalla posizione  mercenaria scelta (Vedere Cicap e attivissimo). Vi sono poi, quelli che sostengono che la maggiore presenza di scie è dovuta alla sperimentazione sul campo, della glaciazione aerea. In sostanza, uno dei problemi in cui possono incorrere gli aerei, è dovuto al fatto che l’umidità, durante il volo, bagna l’aereo e poi si ghiacciano le ali. Quando vengono fatte prove di tale genere, un aereo irrora acqua, l’aereo che segue si ghiaccia.  A questi sostenitori chiedo: Come la mettiamo dove gli aerei non sono due, dove non si fa sperimentazione, dove non sono uno davanti e l’altro dietro?.. Possibile che facciano così tanta sperimentazione del ghiaccio aereo?.. (alla Totò) ma mi faccia il piacere!.. Va poi considerato, che quando vengono posti irroratori su di un aereo, questi sono individuabili se posti ad una certa distanza dai reattori; diventa difficile individuarli, quando sono posto dentro o nei pressi dei reattori. Considerare immagine sopra esposta.
CONSIDERAZIONI:
A)    Con il progetto pioggia e similari, le irrorazioni venivano fatte per stimolare la formazione delle gocce e la caduta della pioggia. Con le irrorazioni che producono le scie chimiche, la finalità è un’altra. Queste vengono fatte indipendentemente dal fatto che vi siano nuvole o meno. Che vi sia necessità di pioggia o meno e indipendentemente dal fatto che si sia di giorno o di notte. Questo farebbe pensare ad un necessario “status pemanente”. Una riduzione delle scie si nota in certe condizioni di tempo ventoso. Sarebbe da accertare se ciò è dovuto alla dispersione dell’irrorazione per il vento in quota, oppure a minore irrorazione. Nell’album fotografico presentato in questo blog in “IMMAGINI”, si vede (foto n.13) la griglia di scie al di sopra delle nuvole naturali che minacciano pioggia in un periodo in cui di pioggia non vi è necessità. Sono costretto a pensare che queste scie chimiche hanno altra finalità.
B)    Numerosi sono tra i ricercatori, coloro che sostengono che le irrorazioni avrebbero lo scopo di creare una situazione ambientale atta ad un utilizzo più efficace della tecnologia del “Progetto Haarp”. Haarp significa: “High Frequency Active Auroral Research Program” ovvero ,“Programma di ricerca sulle radiazioni aurorali attive ad alta frequenza”, è un impianto militare per la ricerca sulla manipolazione ionosferica, elettromagnetica, sui campi elettrostatici e su altri sistemi in grado di modificare l'ambiente. Ciò che però maggiormente sconcerta; sarebbe il fatto che la realizzazione di questo progetto, avrebbe portato alla scoperta che sarebbe, oltre che un’arma climatica, anche un’arma di manipolazione mentale di massa. La sua azione, combinata con altre diavolerie tipiche dei burattinai, sarebbe in grado di ottundere in breve tempo, la mente della popolazione colpita, ma ignara. Un danno vi sarebbe anche a livello fisico.
C)    Non essendoci certezze circa la finalità, vediamo di stabilire cosa vi è di certo. Certamente esistono le scie chimiche in tutto il mondo, certamente vi è omertà politica e d’informazione. Certamente non si tratta di qualcosa di realizzato nell’interesse della popolazione, altrimenti verrebbe sventolato ovunque. Certamente il materiale irrorato è nocivo alla salute e all’ambiente. Certamente il far trapelare che venga fatto nell’interesse del cittadino, non regge. Non è un discorso di clima, di temperatura, di protezioni varie o di semplice ricerca. E’ certamente un’operazione militare realizzata in ottica globale che, scavalca la politica e realizza la volontà dei burattinai del livello superiore. Vista da una certa angolazione, è un’azione da vera dittatura militare globale.
D)   Tutte le sostanze individuate, usate nelle irrorazioni, sono nocive. Possibile che per realizzare la gestione del clima o le altre ipotetiche necessità, si possono usare esclusivamente sostanze nocive?..
E)     Una sola certezza emerge: Se nonostante sappiano che le irrorazioni sono nocive le fanno ugualmente; significa che l’intento è nuocere!.. Se questa ipotesi è vera, e tutto lo fa ritenere, significa che i burattinai di questo mondo, odiano la popolazione che non fa parte della loro associazione. Quale è il monte dal quale è stato idealmente (ma anche oggettivamente) irradiato l’odio ovvero “Sina” sul mondo intero?.. Spero che non sia il monte Sinai!.. Spero che i burattinai non siano gli stessi che hanno orchestrato il disastro delle torri gemelle, il nazismo, la bomba atomica, la crisi economica, il terrorismo sintetico o di stato, l’imposizione della droga e delle religioni, le malattie create in laboratorio, il satanismo occulto e di sistema, ecc..
La necessaria brevità di questo articolo, non consente una adeguata disanima del fenomeno scie. Invito pertanto chi fosse interessato, a considerare la grande quantità di informazioni in internet. Segnalo i blog: “La scienza marcia” di Corrado Penna, con relativo “Dossier scie chimiche”; e Tanker Enemy. Nel presente blog, è visibile una carrellata di significative immagini.
Lo scopo di questo articolo era ed è quello di attrarre l’attenzione sul fatto che stanno avvenendo su questo pianeta, delle cose che hanno una sola definizione: PAZZIA!.. occorre che ognuno di noi, nel suo piccolo, prenda provvedimenti. La prima cosa da farsi si chiama: “Presa di coscienza”, individuale e collettiva. La seconda, per conseguenza, si chiama “Ecologia mentale”, individuale e collettiva. Occorre individuare e sradicare l’ecomafia mentale del quale gli esseri umani sono portatori, per scelta propria (in parte) ma, prevalentemente per manipolazione aliena. L’ecomafia è tutto quanto a tua insaputa  ti è stato imposto, facendoti credere che tu sei libero di scegliere. Certo che eri libero di scegliere, ma unicamente tra i pensieri concessi, certo che eri libero, ma dentro un recinto, il recinto nel quale poi spunta la  pazzia!..  Questo recinto si chiama : attuale "Paradigma di pensiero". Cosa mi sai dire dei pensieri e dei concetti  che non ti sono mai stati concessi e quindi non hai mai conosciuto?.. cosa mi sai dire della realtà al di fuori del recinto?.. cosa mi sai dire dei paradigmi di pensiero alternativi o proibiti?.. se possiedi queste risposte, comunicamele!  

11 commenti:

  1. ..è un vero peccato che un essere di tale levatura morale, spirituale, intellettuale, così poco si sia espresso e poco abbia con/cesso! Chissà quante cose intelligenti avrebbe potuto proporre ad una società ignorante! E' un vero peccato che le motivazioni ineccepibili che giustificano il tuo giudizio, le conosci solamente tu! Intanto, specchiati nella tua realtà e, vivi nel tuo brodo.Lo hai cucinato tu!Ciao

    RispondiElimina
  2. Prima o poi pagheranno tutti, quelli che non ci credono, i troll e i burattinai!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si anche gli gnomi, elfi, maghi, ricordo inotre che esistono gli zombi e i vampiri

      Elimina
    2. ..certo! ed è per questo che in tutto il mondo vi sono stati dibattiti a livello politico. Informati e se non hai nulla da dire taci, farai più bella figura.

      Elimina
  3. Simone Tarcinotti è un deficiente che non vede aldilà del suo naso. Se ti interessa hanno aperto un nuovo negozio online di para occhi, non per cavalli...
    Complimenti Dario, hai un' ottima visione della realtà in quanto, oltre ad interpretare bene quello che si vede in giro, (foto, video ecc..) ragioni con la giusta logica. Se si spendono tanti soldi per un progetto vuol dire che c' è in ballo qualcosa di molto grande e magari di diabolico.

    RispondiElimina
  4. ..non conosco Tarcinotti e non mi interessa poi molto saperlo. Il blog è dedicato a quelli che lo sanno utilizzare. I propinatori di paraocchi sono invitati a passare giornalmente davanti allo specchio, dopo averlo pulito.Il resto viene da se.. mi piace la metafora dei paraocchi!..Ciao

    RispondiElimina
  5. non capisco il perche di tutto questo e credo che ci debbano delle spiegazioni comunque io sono un sostenitore che non si trattano di scie di condenza cavolo tutti i giorni le vedo sulla mia testa e tutto sono tranne ch evapore acqueo comunque molto presto lo scoprirò o almeno ci proverò.
    UN FUTURO ANONIMO PILOTA MILITARE

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..se quando lo scoprirai lo vorrai condividere, te ne sarò grato. Saluti

      Elimina
    2. BRAVO! QUESTA E' EVIDENTEMENTE LA TUA MISSIONE PIU' IMPORTANTE. GRAZIE PERCHE' NON TUTTI I PILOTI A QUANTO PARE HANNO LO STESSO FEGATO DI SVELARE I RETROSCENA DIETRO QUESTE SCIE CHIMICHE...

      Elimina
  6. Chi ci vede e chi ci sente non puo' far finta di niente di fronte all'evidenza. Le scie chimiche abbiamo tutti sopra le teste quasi ogni giorno, ci sono i documenti dei trattati internazionali riguardanti il fenomeno disponibili anche sull'internet. Ci vuole solo documentarsi. L'unica cosa da fare e' protestare presso le autorita' che possano dare le risposte vere, Ma CHI SONO quelli a chi rivolgersi??

    RispondiElimina