Presenze Aliene

giovedì 19 maggio 2011

IL SIGNORAGGIO BANCARIO

Il Signoraggio Bancario


Di Dario Giacoletto


Il signoraggio bancario, è il più potente e perverso  strumento di manipolazione di massa, escogitato  con l’intento di imporre alla popolazione, la più totale schiavitù mediante la dipendenza da denaro.

“Datemi la possibilità di emettere la moneta di un paese e, non m’importerà chi farà le sue leggi”

Così affermò Nathan Rothschild, capostipite della nota famiglia ebrea/sionista/talmudista che monopolizza il sistema bancario mondiale e, così fu!



La massa, si schiavizza mediante molti strumenti: la forza militare, la credulità religiosa  o di altro genere, l’informazione, il denaro. Henry Ford affermo:

" E' un bene che il popolo non comprenda il funzionamento del nostro sistema bancario e monetario perché, se accadesse, credo che scoppierebbe una rivoluzione prima di domani mattina."

COSA E’ IL SIGNORAGGIO BANCARIO

Il signoraggio bancario, è la concessione in privilegio al sistema bancario privato, da parte di uno stato o più insieme di  stati, del diritto di gestire il denaro pubblico a proprio TOTALE TORNACONTO. E’ insomma la privatizzazione della gestione del denaro. Il marcio, non consiste tanto nel fatto che vi sia stata privatizzazione; sta nel fatto che questa privatizzazione è stata concessa ad una mafia che, ovviamente, persegue i suoi interessi! Consiste poi nel fatto, che questa mafia è satanista e pertanto, opera secondo logiche demenziali rispetto alla moralità e all'etica della massa. Come se tutto questo non bastasse, occorre evidenziare come al momento della concessione del privilegio, lo stato consegna oggettivamente alla banca, l’equivalente in oro del valore della moneta emessa nonché, di tutti i diritti derivanti dalla gestione.


Vediamo cosa significa  “TOTALE TORNACONTO”, riferendoci per semplicità, esclusivamente all’Italia:
Lo stato italiano ha necessità che sul suo territorio circoli denaro quindi, decide di crearlo stampando banconote o coniando moneta. Il denaro quindi è dello stato e per conseguenza dei cittadini. Il denaro, sul territorio, deve però essere gestito e, questo compito, viene assegnato al sistema bancario presente sul territorio. Compaiono quindi il Banco di Roma, di Napoli, il S.Paolo, la Banca d’Italia etc.. e, i comuni cittadini pensano: “Se si chiama Banca d’Italia, significa che è di proprietà dello stato..”. No, non è di proprietà dello stato. La banca d’Italia e tutte le altre banche presenti, sono private pertanto, vi è stata la privatizzazione della gestione del denaro. Nulla di male, in fondo qualcuno deve pure gestirlo; si tratta solamente di stabilire chi e come.  Qui, spunta il bubbone del marcio che dimostra quanto il governo italiano sia mafioso a danno dei cittadini onesti e a loro insaputa. Viene stabilito che la quantità di denaro presente sul territorio, deve avere una copertura equivalente in oro.  Nulla di male dice il sempliciotto, l’oro è dello stato e il denaro pure. No, non è così. Compare il così detto “signoraggio primario” ovvero lo stato rinuncia al suo diritto, la banca diventa padrona e da ora in poi, si comporterà come titolare avente diritto, e presterà denaro allo stato! Lo stato ha totalmente abdicato e rinunciato alla sua autorità! Sconcertante! Da ora in poi la banca creerà denaro dal nulla (numeri che oggettivamente hanno nulla di reale) e lo stato, quindi il popolo, starà prono a 90° aspettando il messia!
LA RISERVA AUREA
Con tale termine, si intende la quantità di oro teorica/mente dello stato, consegnata a Bankitalia e, depositata presso Palazzo Koch a Roma. Tale deposito è detto anche “Sacrestia dell’oro”. Sotto l’aspetto formale, si vuole far passare che tale oro rappresenta la ricchezza italiana e, in effetti, la rappresenta. Il punto però, è che non essendo più di proprietà dello stato, non ne rappresenta la ricchezza ma la povertà! Bankitalia non è una banca dello stato italiano; ma privata al 94%. Si sono riservati il 6% per poter affermare che la banca è dello Stato! Pazzesco!!! Ecco chi la compone:
Ente partecipante
Numero quote
Numero voti
% quote
Intesa Sanpaolo S.p.A.
91035
50
30.3%
UniCredito Italiano S.p.A.
47184
50
15.7%
Banco di Sicilia S.p.A.
19028
42
6.3%
Assicurazioni Generali S.p.A.
19000
42
6.3%
Cassa di Risparmio in Bologna S.p.A.
18602
41
6.2%
INPS
15000
34
5.0%
Banca Carige S.p.A. - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia
11869
27
4.0%
Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.
8500
21
2.8%
Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A.
7500
19
2.5%
Cassa di Risparmio di Biella e Vercelli S.p.A.
6300
16
2.1%
Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza S.p.A.
6094
16
2.0%
Cassa di Risparmio di Firenze S.p.A.
5656
15
1.9%
Fondiaria - SAI S.p.A.
4000
12
1.3%
Allianz Società per Azioni
4000
12
1.3%
Cassa di Risparmio di Lucca Pisa Livorno S.p.A.
3668
11
1.2%
Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo S.p.A.
3610
11
1.2%
Cassa di Risparmio di Asti S.p.A.
2800
9
0.9%
Cassa di Risparmio di Venezia S.p.A.
2626
9
0.9%
Banca delle Marche S.p.A.
2459
8
0.8%
INAIL
2000
8
0.7%
Milano Assicurazioni
2000
8
0.7%
Friulcassa S.p.A. - Cassa di Risparmio Regionale
1869
7
0.6%
Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia S.p.A.
1126
6
0.4%
Cassa di Risparmio di Ferrara S.p.A.
949
5
0.3%
Cassa di Risparmio di Alessandria S.p.A.
873
5
0.3%
Cassa di Risparmio di Ravenna S.p.A.
769
5
0.3%
Banca Regionale Europea S.p.A.
759
5
0.3%
Cassa di Risparmio di Fossano S.p.A.
750
5
0.3%
Cassa di Risparmio di Prato S.p.A.
687
5
0.2%
Unibanca S.p.A.
675
5
0.2%
Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno S.p.A.
653
5
0.2%
Cassa di Risparmio di S. Miniato S.p.A.
652
5
0.2%
Cassa dei Risparmi di Forlì e della Romagna S.p.A.
605
5
0.2%
Banca Carime S.p.A.
500
5
0.2%
Società Reale Mutua Assicurazioni
500
5
0.2%
Cassa di Risparmio di Fabriano e Cupramontana S.p.A.
480
4
0.2%
Cassa di Risparmio di Terni e Narni S.p.A.
463
4
0.2%
Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. - CARIM
393
3
0.1%
Cassa di Risparmio di Bolzano S.p.A.
377
3
0.1%
Cassa di Risparmio di Bra S.p.A.
329
3
0.1%
Cassa di Risparmio di Foligno S.p.A.
315
3
0.1%
Cassa di Risparmio di Cento S.p.A.
311
3
0.1%
CARISPAQ - Cassa di Risparmio della Provincia dell’Aquila S.p.A.
300
3
0.1%
Cassa di Risparmio della Spezia S.p.A.
266
2
0.1%
Cassa di Risparmio della Provincia di Viterbo S.p.A.
251
2
0.1%
Cassa di Risparmio di Orvieto S.p.A.
237
2
0.1%
Cassa di Risparmio di Città di Castello S.p.A.
228
2
0.1%
Banca Cassa di Risparmio di Savigliano S.p.A.
200
2
0.1%
Cassa di Risparmio di Volterra S.p.A.
194
1
0.1%
Cassa di Risparmio della Provincia di Chieti S.p.A.
151
1
0.1%
Banca CRV Cassa di Risparmio di Vignola S.p.A.
130
1
0.0%
BIPOP CARIRE, Società per Azioni
130
1
0.0%
Cassa di Risparmio di Fermo S.p.A.
130
1
0.0%
Cassa di Risparmio di Savona S.p.A.
123
1
0.0%
TERCAS - Cassa di Risparmio della Provincia di Teramo S.p.A.
115
1
0.0%
Cassa di Risparmio di Civitavecchia S.p.A.
111
1
0.0%
CARIFANO - Cassa di Risparmio di Fano S.p.A.
101
1
0.0%
Cassa di Risparmio di Carrara S.p.A.
101
1
0.0%
CARILO - Cassa di Risparmio di Loreto S.p.A.
100
1
0.0%
Cassa di Risparmio di Spoleto S.p.A.
100
1
0.0%
Cassa di Risparmio della Repubblica di S. Marino S.p.A.
36
0.0%
Banca CARIPE S.p.A.
8
0.0%
Banca Monte Parma S.p.A.
8
0.0%
Cassa di Risparmio di Rieti S.p.A.
8
0.0%
Cassa di Risparmio di Saluzzo S.p.A.
4
0.0%
Banca del Monte di Lucca S.p.A.
2
0.0%
Totale
300000
582
100.0%
IL DENARO
Nella sottostante immagine, è presentato l’inganno della creazione del denaro:


Ecco cosa è la concessione in privilegio detta “Signoraggio”. E’ il regalo fatto “dalla autorità stato”  al monopolio bancario privato, del possesso del denaro pubblico. Chi ha fatto questo disastroso accordo?
Tutta una serie di politici ed economisti asserviti al sistema bancario! In quasi tutto il mondo è così. Come è stata possibile una cosa del genere?
SIONISMO
Il Talmud, testo sacro ebraico, lo spiega molto bene; infatti vi troviamo scritto:
·         "Dovunque gli ebrei arrivano devono farsi sovrani dei loro signori" (Sanhedrin , fol. 19 col. 2)
Signori, sono considerate le autorità locali di  quel momento. Loro, ovvero gli ebrei eletti da dio, devono impadronirsi della sovranità per imporsi sui signori. Prevalere sulle autorità locali, significa padroneggiare lo Stato. Qual’ora la frase precedente non fosse convincente; propongo la seguente:
·         “Quando un ebreo ha un Gentile nelle sue mani, un altro ebreo può andare dallo stesso Gentile, prestargli denaro e truffarlo in sua vece, così da rovinare il Gentile. Poiché la proprietà di un Gentile, secondo la nostra legge, non appartiene a nessuno, e il primo ebreo che passa ha pieno diritto di prendersela. (Schuican Amen, Choschem Hamischpath, 156)."
Oggi, il sistema bancario mondiale, è in mano ai talmudisti ovvero, agli ebrei che adottano il talmud. Il punto più grave però, non è questo; ma il fatto che chi controlla la mafia bancaria, è lo stesso che controlla l’economia mondiale, la politica energetica, la sanità, gli apparati di intelligence e militari, il terrorismo e l’antiterrorismo internazionale etc.  pertanto, gestisce occultamente (ma poi neanche tanto) il governo già unico mondiale. Il mondo è in mano alla mafia ebraica. In tutto il mondo è nota la cosa. Tutti tacciono il  segreto di Pulcinella.
PERCHE’ I POLITICI TACCIONO
I politici tacciono, perché sono dei mercenari al servizio di quella mafia. Loro possono esistere in quanto politici, unicamente se accettano il compromesso di servire fedelmente i loro padroni. L’alternativa è la loro scomparsa. Fisica con l’eliminazione nei casi gravi, politica in altri, mediatica e penale in altri ancora. Per poter occupare una importante posizione mediante un politico, la mafia ha necessità di poter controllare a piacimento il soggetto in questione. Berlusconi ha giurato fedeltà a vita pena la morte, alla massoneria. La massoneria è uno strumento della mafia ebraica. Berlusconi serve la mafia ebraica a vita, pena la morte sua. La massoneria corrompe colui che gli ha giurato fedeltà. Da quel momento il soggetto è ricattabile. Il ricatto consiste nel comprometterlo ancora di più. Più è compromesso, più è ricattabile, in un vortice senza fine. Per la legge ebraica/ talmudista; quel soggetto è un “goym” ovvero “un animale immondo!”. Lo useranno fino ad esaurimento! Non cambia nulla, il fatto che si voti il politico di destra o di sinistra, di questo o di quel partito! al limite cambia qualcosa, la moralità  del politico in quanto, ogni politico può operare secondo logica del massimo o minor danno nei confronto del popolo. Questa realtà è arcinota e viene rappresentata mediante l’immagine sottostante. In questa immagine è evidente  il ruolo del politico; ciò che però non viene evidenziato, è cosa il politico ha dovuto fare lui per dare certezza di fedeltà al banchiere!

POLITICI CHE NON HANNO TACIUTO
Di tanto in tanto, qualche politico sconfina leggermente.
Giulio Tremonti ad un certo punto del suo mandato, in un momento di semi/lucidità o forse di pazzia, si mette a parlare di “Illuminati”. Gli illuminati sono i facenti parte dell’”Ordine degli illuminati “ ovvero una delle ramificazioni della grande piovra mafiosa. Si mette a parlare del “Nuovo Ordine Mondiale” ovvero, dell’ufficializzazione della creazione del governo unico mondiale che, formalmente e nella mente dei comuni esseri umani, ancora non esiste ma che, di fatto, già esiste ed è perfettamente operativo, anche mediante il sistema bancario. Ecco una sua dichiarazione pubblica e lo sconcerto dei presenti che, ben conoscono le logiche di sistema al quale devono sottostare:  http://youtu.be/ZcakY-gJpbA
KENNEDY E IL SIGNORAGGIO
Il 4 Giugno 1963 il presidente John Fitzgerald Kennedy  firmò l’ordine esecutivo n. 11110, che permetteva al governo Statunitense il potere di emettere moneta senza passare attraverso la Federal Reserve (ovvero evitando la convenzione capestro del signoraggio bancario). La moneta nel progetto di Kennedy era garantita dalle riserve federali di argento. Presso la Corte Suprema non furono sollevati quesiti di anticostituzionalità contro questo provvedimento. Infatti l'emissione di moneta negli USA è un potere conferito al Congresso per l'articolo I sez. 8 della Costituzione Americana. In tutto Kennedy mise in circolazione banconote per 4,3 miliardi di dollari. A qualcuno, questa iniziativa non andava bene. Dopo l'assassinio di Kennedy l'ordine esecutivo 11110 cadde in disuso e tutte le banconote emesse dal governo ritirate dal mercato al termine della loro vita fisica. Oggi gli USA hanno un debito tra i più alti al mondo. La volontà divina ha prevalso.
IL DEBITO PUBBLICO
Con la concessione del “Signoraggio bancario”, lo Stato diventa debitore. Paga fino a quando può, poi inizia il debito pubblico. Il debito pubblico è la conseguenza dello spreco, della irresponsabilità, della criminalità; ma soprattutto la conseguenza diretta del signoraggio bancario. E’ il sistema bancario il fomentatore e sostenitore per non dire l’impositore della necessità di realizzare il debito pubblico. Il debito pubblico è la forma legalizzata, dello strozzinaggio bancario. Nessuna mente sana può pensare che mediante un debito che ti farà  costare di più la  necessità agognata, rispetto al  non debito; sia la forma migliore per realizzare la gestione economica della tua famiglia! Eppure, nel mondo occidentale, ovunque imperversa il debito pubblico! A questo problema però se ne aggiunge un altro: così come lo strozzino ha interesse che il debitore non paghi, così il sistema bancario ha interesse che lo stato non paghi il debito. Più il debito diventa grande, più lo stato pagherà interessi! Più paga interessi, meno possibilità ha di poter pagare il debito! Con l’intento di realizzare al meglio questa logica, diventa necessario porre in atto tutti quegli espedienti o strategie che contribuiscono alla esaltazione del debito pubblico. Compare la “Strategia dello spreco”, del quale l’Italia è un esempio illuminante; che a sua volta, genera  tutta una serie di espedienti minori.

UN PO’  DI NUMERI
In data 13/3/2011, Bankitalia ha pubblicato l’ammontare del debito italiano relativo al 31/1/2011. A fine gennaio il debito ha alzato l'asticella a 1.879.926 milioni, nuovo record assoluto con un incremento di ben 36.699 milioni di euro in un solo mese. Tremonti continua a dire che la situazione è sotto controllo; da osservare che in Gennaio il debito è aumentato di 1.183 milioni al giorno. Ora gli italiani hanno un debito procapite di oltre 30.000 euro a testa.  La situazione è garantita da Tremonti, mi sento io soddisfatto ora che il 19% del reddito del paese serve esclusivamente per pagare gli interessi del debito! Sono certo che questa famiglia ha un roseo futuro. La possibilità di una eventuale bancarotta di stato, è solamente una illazione dei soliti catastrofisti.

NON SONO LE BANCHE DI PROPRIETA’ DELLO STATO! E’ LO STATO, PROPRIETA’ DI CHI POSSIEDE LE BANCHE! LA SOVRANITA’ DI STATO, E’ STATA CEDUTA PER UN PIATTO DI LENTICCHIE SCADUTE! ECCO PERCHE’ CONTINUANO LE GUERRE, SEMPRE FINANZIATE DAL SISTEMA BANCARIO!  IL TERRORISMO, LE CRISI ECONOMICHE COSTRUITE SU MISURA ETC.. PIU’ SEI DEBOLE E POVERO TU, PIU’ SONO RICCHI E FORTI LORO  I BANCHIERI TALMUDISTI!