Presenze Aliene

venerdì 1 febbraio 2013

-2- UFO IN VALTELLINA


CASO F.L. 

Di Dario Giacoletto


Il caso F.L.  raccoglie la testimonianza di F.L. di Morbegno che, per quanto a mia disposizione, consiste in una documentazione fotografica. Le fotografie al momento a mia disposizione sono sette e sono state eseguite con una Canon EOS 400D DIGITAL nel giorno 30 settembre 2012 in Valmalenco, nei pressi di Campagneda. La meravigliosa sottostante immagine è tratta dalla foto n.113.

La dichiarazione verbale del soggetto, è stata raccolta, dal giornale Centro Valle di Sondrio che l’ha pubblicata in data 20 ottobre 2012 col titolo: “Ho incontrato gli alieni sui monti della Valmalenco”, articolista M.Gianotti.

Il racconto è pertanto sintetizzato nell’articolo dell’immagine sovrastante e, ha fatto il giro d' internet nei siti di ufologia. Dice l’inizio articolo: Se le foto si riveleranno autentiche siamo di fronte a un caso straordinario. Se, invece, si scoprirà che sono solo immagini ”taroccate” non resterà che farci sopra una risata e fare i complimenti agli autori di una burla davvero ben congegnata.” Il giornale mette le mani “avanti”, non si assume alcuna responsabilità circa la genuinità o meno delle foto. Pare essere in attesa di quanto emergerà e, sono possibili tutte le ipotesi. Non è considerata l’ipotesi, che le foto possano non essere tutte vere o tutte false.
Considerando le sette fotografie a mia disposizione, dopo aver letto l’articolo, sono costretto ad affermare che l’articolista o il giornale, hanno intenzionalmente minimizzato quanto è avvenuto. Forse il dubbio circa l’autenticità delle foto o forse l’intento di non turbare la popolazione o quantomeno non aumentare troppo l’interesse per la questione ufologica valtellinese, già abbastanza calda; ha motivato la linea della moderazione. Condivisibile scelta (dentro un certo limite), fino a quando l’intento è tutelare l’interesse di tutti; dopodiché potrebbe diventare informazione edulcorata. Il fine del presente blog è andare oltre, sia nell’indagine quanto nell’informare, pertanto proviamo ad analizzare l’articolo.
L’affermazione presente nell’articolo, in base al quale il 95% delle segnalazioni ufologiche sono mendaci, non trova in base alla mia esperienza alcuna conferma. A me risulta che in ambito ufologico, solamente una piccola percentuale di testimoni assumono l’iniziativa o la responsabilità del testimoniare. Ciò dimostra che il fenomeno ufologico ha ben altra consistenza e, questo vale particolarmente in Valtellina. Non mi corrisponde nemmeno che il 95% delle segnalazioni siano un falso. Segnalazioni poi di chi? Di quelli che realmente hanno visto qualcosa e quindi testimoniano, o di quelli che segnalano intenzionalmente il falso perché sono filo CICAPisti? Qualcuno vuole provare a dimostrare che questa congrega psicotica non esiste?
Non sono al momento riuscito a comprendere per quale motivo il giornale incentra l’articolo sul caso F.L. ma poi, pone due foto che non sono del teste e la terza che lo è, non è certamente la più spettacolare e per giunta, ridotta! Per quanto riguarda l’autenticità delle foto, momentaneamente, in questo primo articolo sul caso; parto dal presupposto d’innocenza. Eventualmente in un seguente articolo, affronterò l’opposto ovvero, l’ipotesi che si tratti di un falso. Intanto, chi fosse in grado di provare la non genuinità delle foto, si faccia avanti. Interessante sarebbe avere il resoconto delle analisi fatte e, da chi. Possibile che il giornale abbia pubblicato le foto senza un minimo accertamento preventivo? Le sette foto poste in gioco nel presente articolo sono: la _MG_113/14/15 la 130/31/32/33.
 La foto 113 è la seguente:



La presenza aliena parrebbe essere un grigio; ma ha caratteristiche diverse dal grigio classico. Si potrebbe ipotizzare che abbia una tuta che genera riflessi colorati; ma anche questa è unicamente una supposizione. Certamente l’espressione del volto è piacevole e spontanea. Al momento dello scatto fotografico, guarda in modo apparentemente molto interessato, l’acqua o forse il riflesso che sta producendo. Non ho al momento, trovato in internet o altrove, un'immagine simile. Nell’articolo di Centro Valle, è affermato che alla vista del testimone, l’alieno è fuggito con veloci balzi verso la cima. Questa affermazione è fortemente riduttiva. L’alieno non fece alcun balzo, in senso di salto o camminata fisica; l’alieno volò letteralmente via! Lo prova in modo inconfutabile l’immagine seguente e, non solo volò via; ma lo fece a una velocità che probabilmente sconcertò i testimoni. Queste entità, sono in grado di passare da una manifestazione fisica esteticamente simile alla nostra ma non sostanzialmente uguale, a uno stato in cui la fisicità viene meno. Pertanto, cambia la forma, la sostanza, l’effetto gravità. Nelle foto diventano evanescenti, sfuggevoli mimetizzati con l’ambiente. Sono esseri (quando si manifestano) para/fisici quindi, manifestano potenzialità a noi, precluse. Possono volare, non nel concetto umano; ma nel senso che si proiettano eludendo le leggi della fisicità. Queste entità quando sono dipinte, ci vengono mostrate con le ali; ma se vengono fotografate, si scopre che le ali non le hanno. Ecco la conferma con l’immagine n.114:




Faccio notare come questa foto è meno nitida della precedente e ciò, in condizioni di normalità non dovrebbe essere. Occorre però precisare, che laddove si manifestano condizioni di sconfinamento dalla nostra realtà tipica; le fotografie in alcuni casi ne risentono. Posso comprendere in conseguenza di tali affermazioni, la reazione di quei lettori che non conoscono questi argomenti.
La deformazione dell’immagine dell’entità è sicuramente dovuta al rapido movimento, al quale si potrebbero sommare interferenze tipiche del mondo parafisico. Quando poi si riprende un evento che sconcerta, tutto può diventare frenetico e quindi anche lo scatto fotografico ne risente. Andiamo oltre. Questo presunto grigio è certamente un "umanoide volante"! Perché lo affermo con tanta convinzione? Perché l’immagine seguente, la n.115; lo dimostra ulteriormente.


Qual ora poi non bastasse, proviamo a sovrapporre il particolare della foto 115 alla stessa zona della foto 113 e otteniamo l’immagine seguente. Dalla comparazione emerge che nell’immagine 113 non vi è traccia di quanto emerge dal particolare della 115, pertanto ciò che si vede si può a mio parere, attribuire all’umanoide volante. Da notare poi, che nel riquadro nero della 115, compare qualcosa che non è presente nella 113 e 114. Di cosa si tratta? Che cosa presentano la 0116 e seguenti? Non lo sappiamo.



L’umanoide alieno, percorse quindi il pendio in un attimo. L’articolo di Centro Valle scrive: “è schizzato con veloci balzi”. Su un’erta di pietraia del genere, schizzare toccando terra è impossibile. Volando certamente sì. Nel caso l’essere fosse risalito, anche se velocemente, ma toccando terra, avrebbe concesso al fotografo il tempo di eseguire più scatti che immortalavano  l’essere. Invece..
Per salire in cima al colle i testimoni impiegarono invece alcuni minuti, 11',35'' per l’esattezza, in base alla differenza tra la foto 115 e la 130. Afferma il testimone che, giunti in cima, vede un disco volante indirizzato verso Pizzo Scalino. La foto è la 130 pertanto, mancano al momento 14 scatti intermedi. Anche questi scatti potrebbero essere interessanti; quantomeno perché testimonierebbero il percorso fatto, e con quali risultati fotografici. Nel caso F.L. o il giornale se le foto sono in suo possesso volessero gentilmente partecipare.. Accontentiamoci per il momento; anche perché l’immagine seguente è eccezionale!
La spettacolare carrellata fotografica continua, ecco la foto 131:


Nel caso si volesse ipotizzare che le foto sono false, occorrerebbe poi spiegare la coerenza o l’incoerenza  tra le diverse foto, per quanto riguarda la variazione luminosa o ombra e lo spostamento delle nuvole in relazione ai tempi  delle foto 130/31/32/33. Nonché la coerenza tra l’ufo della 0130, con quello della 0131. In questo momento l’ufo si allontana e allo scatto seguente così si presenta:

Questa immagine è comunque importante, anche se l’ufo è lontano. Consente di eseguire le comparazioni di conferma con le precedenti. La foto seguente è la 133. Nuovo sconcerto! Qui l’ufo genera il vortice nuvoloso, già presentato nel post: http://presenze-aliene.blogspot.it/2012/11/ufo-aerei-e-invisibilita.html in quell’occasione, in cima a Pizzo scalino gli ufo erano tre, così come in altre occasioni. Che siano tre gli ufo di questa tipologia, più o meno stabili in Valtellina?

Un particolare.
Analizzando le quattro foto finali, si riscontra la presenza di un particolare. Sulle foto 131 e 132 e non sulla 130, dentro un anfratto della roccia compare una luminosità.

Che cosa sia è da capire. Certamente un qualcosa di luminoso o molto riflettente che, non è possibile sapere se persiste nel tempo in quanto la 133 inquadra oltre l’anfratto. Anche qui occorrerebbe avere le foto seguenti..

Qualora la presente carrellata fotografica non sia stata sufficiente a dimostrare la consistenza di questo evento; inserisco a  titolo di “buon peso”, la seguente bellissima immagine, ripresa sempre di fronte a Pizzo Scalino da altro testimone, eseguita il 27/7/2011 ore20,10 con una Fujifilm Fine Pix S 3000. Questa fotografia ha un indice di ipotizzabile genuinità molto alto. Definita da alcuni analisti, “perfino troppo perfetta” per essere vera! Qui si tratta di grande abilità, di notevole fortuna o di entrambe assieme? Oppure di un falso del miglior professionismo? Volendo essere pignoli, sconcerta un poco il fatto che la foto privilegia il panorama rispetto all’ufo. Avrebbe dovuto ingrandire l'ufo a scapito del panorama. La foto non manifesta sintomi tipici  dello stress da imprevisto. Sempreché, non si tratti di persona abituata alla fotografia aliena! A sostegno della genuinità, si aggiunge poi il fatto che, della stessa serie di foto, è presente un secondo scatto che conferma pienamente la prima. 









Se osserviamo la parte sottostante del mezzo volante, notiamo una luminosità che è similare a quella della foto 132. Cambia unicamente la posizione del mezzo. Si potrebbe trattare dello stesso mezzo o uno della stessa tipologia. Teniamo presente che la considerazione della luminosità sottostante, include altra fotografia di altro fotografo che è la nota foto, ripresa sul campanile di Lanzada il 1/11/2011. Foto sottostante. Nel caso che si tratti di falsi, vi è una coerenza di casualità davvero notevole! Ora, in internet, gli esperti di “plafoniere”, presumo che si troveranno in difficoltà; così come tanti inopportuni ciarlatani dei forum.

Il fenomeno ufologico valtellinese, non è prerogativa esclusiva di questa zona. Da testimone che esige l’anonimato, ho ricevuto segnalazione relativa a due suoi avvistamenti sopra il paese di Fiano Torinese. Il primo il 12/2/1994 quando ancora la Valtellina non era assunta alla cronaca e, anche qui gli ufo sono tre. Il 21/12/2012 il secondo avvistamento.  Da altro teste, ricevuta segnalazione relativa al giorno 11/1/2013, sopra il paese di Rivara Canavese. Il teste di Fiano mi ha consegnato il biglietto che costituisce l’immagine sottostante. E’ interessante notare, come un teste che nulla conosce del fenomeno valtellinese, mi disegna degli ufo uguali a quello di Lanzada ma di ben diciassette anni prima!
CONCLUSIONE
Quest'articolo è stato possibile, grazie a coloro che hanno fotografato e reso noto il materiale presentato. Sicuramente molti altri hanno prodotto del materiale analogo che però non osano per timore o per posizione assunta, rendere noto. Il mio ruolo è stato unicamente quello di raccogliere e pubblicare. A loro il grande merito. Grazie però anche alle presenze aliene che così gentilmente si sono rese disponibili alla fotografia. Teniamo presente, che loro possono tranquillamente impedire di essere fotografate. L’entità aliena della prima foto, era giunta al colle e al disco volante, molto prima dei fotografi e poteva tranquillamente andarsene prima e magari adottando l’invisibilità! Poteva non esibire il vortice o nascondersi nella nuvola. Poteva salire al colle prima del possibile secondo scatto fotografico e nulla sarebbe più stato ripreso. In sostanza si stanno esibendo per noi e non, per casualità o per loro! Per quanto riguarda l’eventuale ipotesi di procurato allarme, da parte mia alla popolazione (alcuni, di questo mi hanno accusato); ricordo: Io sono rimasto scioccato dai bombardamenti fatti ultimamente in molte parti del mondo. Dalle irrorazioni chimiche che si stanno operando sulla popolazione, dal papa nero, dai gesuiti dai satanisti e dal debito di stato, dalla crisi mondiale voluta e imposta ecc. eppure di questo e altro, nessuna autorità si è realmente preoccupata del procurato allarme al sottoscritto o alla popolazione. La verità circa la questione aliena, non è taciuta o minimizzata per rispetto della popolazione!. E' taciuta invece per mancanza di rispetto da parte dei burattinai mafiosi e dei loro collaboratori di stato! Sono loro, quelli che stanno generando un procurato allarme nella popolazione, che in reazione provoca l’antipolitica! Prendiamone atto tutti quanti, prima delle elezioni.
Ps: Chi intendesse collaborare per meglio chiarire il fenomeno ufologico in generale, ma in particolare valtellinese; è invitato a mettersi in contatto al seguente indirizzo: dario.giacoletto@vodafone.it
Interessanti potrebbero essere le dichiarazioni di Centro Valle, del giornalista Massimiliano Gianotti, del ragazzo F.L., nonché di tutti quelli che hanno visto e fotografato. Compresi i presenti alla Santa Messa di Pizzo Scalino il 22/8/2010 che, non possono più negare d’aver visto!.. Se volete un mondo migliore, distruggete l’ipocrisia, la paura e l’omertà!..






8 commenti:

  1. Non riesco a commentare, ad aggiungere parola ...
    Nel lato coclusivo del post hai gia' detto tutto quello che era da dire ... Straquoto ogni concetto...
    E' davvero interessante il concettto della loro volontarieta' a volersi far fotografare, ovviamente previa veridicita delle immagini postate.
    In ultimo, il "procurato allarme" e' l'ennesima scusa per far desistere certe ricerche le cui verita' possono dar fastidio a quei "burattinai" che tentano di far recedere da queste ricerche.

    RispondiElimina
  2. Foto campanile di Lanzada:
    trattasi di volgare torre multifaro per illuminazione stradale e/o di piazzali.

    http://www.ua.all.biz/img/ua/catalog/1830088.jpeg
    http://www.osservatoriodelpaesaggio.org/AZIONI%20svolte/2012/Incontro%20Mi%20illumino%20di%20meno%202012/images/Illuminazione%20rotatorie%20stradali.JPG

    Ritoccata per infilarci al centro un'ulteriore luce.

    Quanto all'alieno salterino è un clamoroso caso di cgi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al signor straniero, prima di demolire tutto e tutti, lo invito in Valmalenco e ci rimanga almeno 15 giorni.Forse quando se ne andrà a casa avra' due convinzioni,

      prima ipotesi - ho visto gli ufo in Valmalenco.
      econda ipotesi - ho cavolo....stanno facendo un sacco di autostrade con tanti multilampioni in giro....


      saluti

      Elimina
    2. salve,

      sono un grafico esperto in realizzazioni di animazioni in 3d. ho due certificati dell'autodesk e mi occupo di immagine coordinata.
      Dal mio modesto punto di vista la foto dell'alieno è frutto di ritocchi di photoshop.

      l'immagine riflessa nell'acqua non corrisponde assolutamente ad un effetto naturale. non è simmetrica rispetto all'asse del punto di vista della foto ed è troppo satura e verticale. nell'acqua, quel riflesso si sarebbe desaturato un pò e avrebbe assunto un profilo più netto alla base del collo...invece, se notate, c'è una sfumatura tra il collo e l'inizio della roccia. Se il riflesso fosse reale, si dovrebbe vedere il collo e la roccia con lo stesso valore di opacità, invece è presente una sfumatura insensata che non ha nulla di naturale.

      mi sembra una presa in giro per tutti quelli che cercano di scoprire la verità sugli incontri del 3 tipo.
      Poi, magari gli alieni...magari sono capaci di deformare pure i loro riflessi sull'acqua....ma se lo fossero allora sarebbe completamente inutile stare a fotografarli. cosa ne dite? :D

      Dal mio punto di vista, bisogna affrontare l'argomento con serietà e queste foto sono tutt'altro che serie. Anche l'ufo delle altre fotografie è palesemente un immagine costruita con photoshop. un artista vero, saprebbe realizzare immagini molto più realistiche e sarebbe ben difficile scoprirne la contraffazione.
      saluti a tutti

      Elimina
    3. La risposta la puoi trovare al seguente indirizzo:http://presenze-aliene.blogspot.it/2013/09/caso-fl-seconda-parte.html

      Elimina
  3. non mi interesso di ufologia ma sono venuta casualmente a conoscenza del suo blog allora le ho inviato via email una foto da me scattata nell'agosto 2010 dopo una celebrazione religiosa sul Pizzo Scalino in Valmalenco. Ho soltanto cancellato le persone per non violarne la privacy ma lascio a lei giudicare cosa vi fosse alle loro spalle... un saluto Anna da Morbegno.

    RispondiElimina
  4. non sarei stato capace di esprimermi meglio, complimenti... bravo Dario, condivido dalla prima all'ultima parola! grazie a tutti e tre.. Soggetto, Fotografo e ovviamente te....ciao Alessandro da Torino

    RispondiElimina
  5. nel lontano 1968 ho visto un ufo sigariforme...assieme ad altre 240 persone sparse per il territorio che si sono reciprocapente raccontate le stesse cose che ho visto io, in pieno giorno a cielo sereno un pomeriggio d'estate. Stava fermo ,poi e schizzato via avelocita impressionante in perfetto silenzio senza scie.

    RispondiElimina