Presenze Aliene

domenica 4 maggio 2014

Nella valle degli ufo

Il giorno dopo..

NELLA VALLE DEGLI UFO


Di Dario Giacoletto


Le aspettative erano intense, l’interesse grande per questa prima serata di ufologia in Valmalenco. Pienone al limite. Sono presenti i giornali locali, videocamere schierate e autorità nelle prime file. Non mancano i libri che trattano ufologia, esposti dalla libreria “Il faro” di Sondrio. Come da programma, iniziano le relazioni i rappresentanti dell’Osservatorio Astronomico Valmalenco, Piero Cirolo e Paolo Lazzarini, i quali illustrano attività e progetti. Si parla di astronomia e di ipotetica vita nello spazio. Parla Enrico Rossi, appassionato di astronomia; ma soprattutto ricercatore ufologo e rappresentante dell’ufologia valtellinese. Parla di ufologia in generale e introduce la serata.
 Parla Flavio Vanetti giornalista del Corriere della Sera, autore del blog “Mistero bUfo”, nonché autore del recente libro, “Turisti per ufo”. Parla Nicola Angarano, sensitivo, se non contattato; il quale illustra le sue intuizioni e/o visualizzazioni. L’argomento è di quelli non facili da trattare, specialmente per le persone che non hanno dimestichezza con l’argomento. In base alle sue affermazioni, in più occasioni avrebbe visualizzato situazioni ufologiche a venire, che poi in concreto si sarebbero avverate. Sarebbe forse il caso di parlare di addotti e di adduzioni, positive o negative; ma non lo consente il tempo disponibile e neanche la condizione o l’interesse del pubblico. Si passa pertanto a Gaspare De Lama, lucido novantatreenne che fece parte del famoso gruppo Amicizia e W56. Riferisce dei loro contatti con le entità aliene col quale avevano avuto contatto e, di quanto a loro venne comunicato. E’ sempre piacevole sentire le sue passate esperienze di vita, nonché la sua lucida saggezza. Non era purtroppo presente alla serata, Pierfortunato Zanfretta e, neanche è stato possibile sentirlo telefonicamente. Ciò ha reso possibile che il mio intervento beneficiasse di maggiore spazio.

Sintesi del mio intervento:

Inizio  presentando l’immagine soprastante, sul quale ho posto una frase che sintetizza la realtà ufologica locale e non solo, frase che invito a ricordare. Dico al pubblico che la serata segna una trasformazione nel modo di considerare l’ufologia della Valmalenco. Non più dubbi, esitazioni, ilarità, paura nell’esporsi; ma il coraggio di dire quanto veduto o fotografato, facendo cadere tabù e, zittendo i denigratori. Ringrazio i presenti che mi hanno inviato materiale fotografico, in particolare quello della Valmalenco ricordando a loro, che l’insieme degli articoli presenti in questo blog sotto la voce “Ufo in Valtellina”, costituiranno in futuro il libro dell’ufologia della Valmalenco, del quale loro sono i veri autori. Ho poi invitato, al fine di una valutazione statistica, coloro che tra i presenti hanno avuto nel corso della vita, occasione di vedere cose particolari (riferite all’ufologia) ad alzare la mano. Il risultato è stato sconcertante: circa il novanta per cento ha alzato la mano!.. Evidentemente in sala erano convenuti prevalentemente testimoni, nonché autori di foto clamorose che  poi ho presentato. Prima una carrellata generica di foto di ufo…


Ho cercato di proporre la comprensione della differenza tra fisicità (tipica umana) e parafisicità (tipica delle entità e degli ufo della Valmalenco).
..poi sono passato alle così dette, sfere bianche, che però si presentano anche con altri colori.  Ho cercato di far comprendere, presentando foto che lo dimostravano, quale è la fonte che genera le sfere bianche. Foto sottostante. La sensazione mia è stata che la maggior parte delle persone non abbia compreso. Mi dispiace per loro;  ma evidenzio il fatto che una minoranza ha certamente compreso. Evidentemente, sono cose “..che molti umani ancora non osano pensare!..” sono comunque informazioni che diventeranno utili e si affermeranno in seguito. Sempre che non prevalga la volontà di coloro che “..vorrebbero che si ignorasse!..”


La foto soprastante è una di una serie di foto che nell’insieme fanno vedere e quindi spiegano cosa sono le sfere bianche. Le sfere bianche (queste e da non confondersi con altre cose esteticamente simili), sono entità. Si tratta di entità in grado di materializzarsi e smaterializzarsi. Quando sono smaterializzate e volano, noi vediamo la sfera bianca. Quando la sfera bianca scende a terra e l’entità decide di farsi vedere, assume le sembianze che ritiene opportuno!.. Ho poi presentato fotografie sempre inviate da testimoni dalla Valmalenco, di entità aliene. Alcune già note (foto sotto) e altre inedite. Quando nuove informazioni vengono proposte a persone che non le possedevano prima e che non hanno ancora maturato la condizione per accettarle, la prima reazione è quella del rifiuto. La sua mente però ha memorizzato. Semplicemente l’informazione viene posta nel profondo; ma non è scomparsa. Con il tempo, il lavorio interiore e l’arrivo di nuove informazioni a sostegno; spunteranno i fiori della consapevolezza; nella misura in cui il soggetto è determinato.



Ho presentato poi, alcune fotografie di scrambler aerei sulla Valtellina e Valmalenco. Le foto sono state bene commentate da Francesco Gilardoni, simpatico ingegnere aeronautico ed esperto in materia. Grande la meraviglia e l’interesse del pubblico; ma grande lo sconcerto di Gilardoni nel constatare che gli aerei delle foto, non dovrebbero essere presenti in Italia. Cosa ci fanno questi aerei?.. da dove partono?.. quale la loro reale finalità quando, gli ufo parafisici sono praticamente imprendibili o non intercettabili?.. perché, al limite, non utilizzare aerei in dotazione all’Italia?.. cosa centra la nostra aeronautica?.. Ora gli italiani sanno, che quando aerei caccia vanno tra le vallate di Sondrio; chi intende fotografare ufo può iniziare a fotografare i caccia!.. Foto sottostante in cui sono presenti gli uni e gli altri!..


Termina la serata, con la consegna di un ricordo offerto dall’artista Cabello Sergio a tutti i relatori. L’oggetto di sua creazione, esprime in una sola rappresentazione, l’universo, la via Lattea, il sistema solare, oppure un UFO. Foto sottostante. Al signor Cabello, un doveroso ringraziamento.  Intanto, mandato a dormire il pubblico, chiusa la sala, a tarda ora, ancora gente per le strade parlava di ufo… solamente fantasie del folklore popolare!..


..il giorno dopo però, ricevo un messaggio che dice: Salve, mi chiamo Gaetano, ho 51 anni (sono del '63) e vivo a Sondrio, anche se originario siciliano. Vorrei raccontare un fatto che mi è capitato in Valmalenco, oltre trent'anni fa. Avevo allora poco più di diciotto anni e, insieme a un amico, alla fidanzata di lui accompagnata dalla sorella, siamo andati a Chiesa Valmalenco a ballare, con l'automobile che avevo sottratto di nascosto a mio padre. Al ritorno - guidavo io - poco dopo Torre Santa Maria siamo stati abbagliati da un globo di luce (una luce tendente all'azzurrino\verde) che è comparso all'improvviso a lato della strada, muovendosi con una strano andamento a vortice. Emozionato dalla visione e complice anche la mia inesperienza automobilistica, ho perso il controllo della vettura, che dopo un paio di testa coda si è abbattuta contro le barriere di sicurezza stradali. E vuoi per lo shock, vuoi per il timore della reazione di mio padre - anche se fortunatamente illesi, la macchina era semi-distrutta - io sono scoppiato in un pianto dirotto, che ancora adesso mi riaffiora in gola. Quindi, nel timore di essere presi per visionari, abbiamo convenuto di non rivelare ad altri il vero motivo dell'accaduto, che è così rimasto un vergognoso segreto tra di noi. Mi sento però ora di raccontare il tutto, nella speranza che altri, i quali sanno ma per lo stesso timore non dicono, possano fare lo stesso. Approfitto per fare i miei complimenti per il bellissimo blog. Gaetano 
Grazie Gaetano, ti ringrazio per il messaggio e forse, ti ringraziano anche altri..





Nessun commento:

Posta un commento