Presenze Aliene

giovedì 8 gennaio 2015

Ufo-caccia-CBA

UFO-CACCIA-CBA 
in Valtellina. Perché?


Di Dario Giacoletto


La vicenda dei boati del 16/10/2014, fenomeno già verificatasi precedentemente in diverse altre occasioni di scrambler aerei, pone tutta una serie di domande al quale tentare di dare risposta. Il fenomeno dei boati, è un fenomeno che si va intensificando sul territorio italiano e, le cause potrebbero essere molteplici e di natura diversa. In taluni casi, si tratta certamente di bang ultrasonici, per interventi di caccia, laddove i caccia sono visti, come nel caso della Valtellina. 
Ciò che sconcerta, è il fatto che le autorità italiane e l’informazione corrente, non rendono nota la realtà esistente in fatto di accordi tra stati. Con l’unificazione europea e quindi l’unificazione di tutta una serie di interessi comuni, non poteva mancare una qualche forma di unificazione d’intenti a livello di sicurezza del territorio. Si inizia quindi a parlare di cielo unico europeo e di strutture organizzative, in ambito di aeronautica militare. Si assiste quindi alla realizzazione del FAB ovvero, Functional Airspace Block (FAB): un blocco di spazio aereo basato su requisiti operativi e istituito indipendentemente dai confini tra Stati, in cui la fornitura di servizi di navigazione aerea e le funzioni correlate sono orientate alle prestazioni, indirizzate al fine di introdurre, in ciascun blocco funzionale di spazio aereo, la sua ottimizzazione. Il tutto, previsto entro il 4 dicembre 2012. Attualmente i blocchi sono nove, come da cartina sottostante. Sconcerta lo sconfinamento in Africa; ma evidentemente gli operatori guardano lontano e, meraviglia la Svizzera che, dell’unione europea non fa parte, così come il Vaticano. Ciò nonostante, sono inseriti nella cartina. Il senso di ciò, emergerà in seguito.


Per quanto riguarda il presente articolo però, non è il FAB che ci interessa particolarmente; ma il CBA; quindi, leggiamo il sottostante documento che spiega cosa è.
Settore d’allenamento | Cross Border Area (CBA)
§  Nuovo settore d’allenamento transfrontaliero per le Forze aeree

Nella giornata di giovedì, 26.11.2009, l'Aeronautica Militare Italiana e le Forze aeree svizzere hanno sottoscritto un accordo concernente un settore aereo d’allenamento comune e transfrontaliero – una cosiddetta Cross Border Area (CBA). La nuova CBA confina con gli attuali settori aerei d’allenamento delle Forze aeree svizzere. Amplia così le possibilità d’allenamento e semplifica l’organizzazione di esercitazioni congiunte delle due Forze aeree.
Il nuovo settore d'allenamento si trova a sud dei Grigioni e si spinge fino alla riva settentrionale del lago di Como. Si estende per oltre 45 km in lunghezza e 70 km in larghezza. Il limite di volo inferiore si situa a 20'000 piedi (circa 6600 metri). Grazie alla particolare situazione al di fuori delle rotte aeree densamente transitate, l'accordo consente un utilizzo efficiente dello spazio aereo. L'uso congiunto del settore d'allenamento non comporterà un aumento dell'inquinamento acustico per la regione.
L'accordo è stato elaborato da entrambe le Forze aeree sin dal 2005, d'intesa con l'Ufficio federale dell'aviazione civile (UFAC) e l'organizzazione di sicurezza aerea skyguide. L'accordo stipulato tra l'Italia e la Svizzera è considerato un progetto pionieristico e permette alle due nazioni di prepararsi in vista del futuro sviluppo dello spazio aereo in Europa. Nel 2010 sono previste le prime esercitazioni nella CBA. Si tratta del secondo settore aereo d'allenamento transfrontaliero che può essere sfruttato dalle Forze aeree svizzere. Un primo accordo tra la Francia e la Svizzera regola dal 2002 la CBA congiunta sopra il Giura.
In vista dei futuri sviluppi nello spazio aereo europeo, le CBA assumono un ruolo sempre più importante, in particolare nel quadro del progetto Functional Airspace Blocks Europe Central (FABEC) e dell'iniziativa Single European Sky (SES). FABEC si fonda su contratti multinazionali, mentre SES si svolge sotto la sorveglianza della Commissione europea. Questi due elementi sostituiranno le strutture dello spazio aereo radicate storicamente a livello europeo.

Questo accordo tra Italia e Svizzera, elimina ogni forma di dubbio: Quando aerei militari svizzeri sconfinano in Italia, ma dentro i confini del CBA, non hanno sconfinato erroneamente come spesso si è detto; ma semplicemente hanno fatto quanto a loro consentito in base ad accordo. Certo è, che leggere che le esercitazioni non avrebbero comportato inquinamento acustico, e poi si sentono i bang ultrasonici dentro la valle, lascia perplessi; soprattutto in quanto le esercitazioni possono avvenire unicamente sopra i 6600 metri. Quota che è regolarmente sforata. Perché? Quale è la motivazione che induce i piloti dell’aviazione svizzera e non solo, a non rispettare questi limiti? Prima però, parliamo un attimo della Svizzera.

La Svizzera
Perché la Svizzera non fa parte della Comunità Europea? Risposta: Perché la Svizzera è uno stato neutrale. Ma allora, noi siamo in guerra e loro no? E se loro sono neutrali, per quale motivo dispongono di un esercito che, rapportato alla vastità del territorio e al numero degli abitanti, è superiore a quello italiano e degli altri stati della comunità europea? Fatta la comparazione, i conti non tornano. Perché uno stato che si definisce neutrale, al centro dell’Europa, è più armato degli altri stati confinanti che non sarebbero neutrali? Una cosa è certa; ufficialmente non ci verrà detto. Vediamo se è possibile scoprirlo. Nel corso dell’ultima guerra, i nazisti hanno invaso parte dell’Europa, ma non hanno turbato la Svizzera. Sono scesi a fare disastri in Italia, ma non hanno ferito la Svizzera. Sono giunti sino a Roma, ma non hanno toccato il Vaticano. Anche il Vaticano è neutrale come la Svizzera. Per giunta si difende mediante la Guardia Svizzera. Non ha fiducia negli italiani? Questi due stati neutrali non hanno avuto bisogno di difendersi dai nazisti. Inoltre, il Vaticano fu il primo stato al mondo a riconoscere lo stato nazista!! A guerra finita, si scoprirà che l’oro nazista è passato per Svizzera e Vaticano e pure i nazisti che hanno espatriato in America. Vedere: Operazione Paperclip. E se i libri di testo, ovvero di sistema, non ci dicono la verità? Voci di corridoio, e di storici non allineati alla volontà di sistema, sostengono che l’Italia è il feudo povero del Vaticano; e la Svizzera il feudo ricco. In effetti, il Vaticano traffica allegramente colla Svizzera. Ma cosa centra tutto questo con i caccia in Valtellina? Ebbene, potrebbe centrare non poco.


Il 3/3/2014 nell’articolo http://presenze-aliene.blogspot.it/2014/03/ufo-e-aeronautica-di-dario-giacoletto.html pubblicai: Ricordo anche che, testimoni valtellinesi in più occasioni, hanno affermato di aver visto in concomitanza con la presenza di ufo, l’intervento dell’Aeronautica militare con i loro caccia, nel tentativo di intercettare o demotivare gli ufo al persistere in zona. Non sarebbe il caso che giornali e televisioni iniziassero a parlarne?” Ebbene, nulla è cambiato. La gente del posto continua a vedere ufo e caccia, con aerei che sforano la quota consentita e produco i boati, intanto le autorità tacciono o parlano di esplosivi nelle cave. Io spero che i piloti i quali effettuano gli scrambler aerei per dissuadere gli ufo, abbiano il buon senso di non ingaggiare azioni di presunzione, tali da generare incidenti. In occasione di foto pubblicate che facevano vedere aerei caccia sulla Valmalenco, si è avuta una strana reazione. Si sono mossi gli ignoranti a prescindere e, gli ignoranti pagati per essere tali, dal sistema e con i soldi nostri. Lasciamo stare l’ignoranza a prescindere, questi ora sanno che gli aerei svizzeri possono essere presenti in Valmalenco. Ma gli altri, quelli che fanno disinformazione a pagamento, ora cosa saranno costretti ad inventarsi per dimostrare che i caccia sulla Valmalenco non possono esserci stati? Strano che i loro blog accettino solamente i commenti favorevoli e rifiutano gli altri che dimostrano diversamente! Quindi, pubblico nuovamente, due foto pertinenti, oggetto della loro rappresaglia nei miei confronti.


Ora, di fronte all’evidenza dell’esistenza del Cros Border Area, contestatemi le foto, ma quelle nella versione originale, non quelle che avete taroccato voi. La sottostante che avete pubblicato come prova che i caccia sulla Valmalenco non sono credibili, non prova nulla di interessante. Prova che voi avete tagliato dalla foto, la presenza degli ufo, la presentate come se voi aveste scoperto che gli aerei sono i Saab JAS 39 Gripen, quando tutti già lo sapevano; ma voi, del CBA, perché non avete parlato? Semplice, voi occupate la vostra posizione per spargere letame e non per informare. Complimenti! Mi raccomando, almeno fatevi pagare molto bene, considerato quanto è sporco il lavoro che fate e il fatto che i soldi sono i nostri!!


Guarda passa e non ti curar di loro. Ora però la domanda è la seguente: Il fatto che sia stata scelta la zona del Bernina come centro del CBA, è casuale oppure ha qualcosa a che vedere col fatto che il Bernina è il centro della zona delle manifestazioni ufologiche valtellinesi? Se si tratta di casualità, la mia è una insinuazione inutile; ma se non si tratta di casualità, allora si tratta di altro e occorrono conferme.
Intanto, chi vuole comprendere, dovrebbe porsi la seguente domanda: “Chi comanda nel mondo?”. Ovviamente non bastano le risposte ufficiali o superficiali. Non basta dire che comanda il potere economico, quello militare, la o le nazioni ecc. Di fatto comanda il potere sovranazionale, mimetizzato tra le pieghe del potere legalmente costituito. Il potere sovranazionale ha due principali aspetti. Quello legale e quello occulto e illegale. Sono poteri sopranazionali quelli che hanno il riconoscimento ufficiale, vedi ONU, NATO, Comunità Europea, USA, Fondo Monetario Internazionale ecc. Sono poteri occulti il Gruppo Bilderberg, la Massoneria, l’Ordine dei Gesuiti, l’Ordine di Malta ecc. Ok qualcuno dirà, ma questo cosa centra con la Svizzera e gli ufo della Valtellina. Per comprenderlo, occorre stabilire cosa centra in tutto questo il Vaticano. Il Vaticano è gestito da tre principali poteri occulti ovvero: l’Ordine Massonico, l’Ordine di Malta e l’Ordine dei Gesuiti. Tutti e tre sono creazioni ebraiche e pertanto... Nulla di male, in fondo esiste persino Sion, la città più antica della Svizzera! Ciò che però non è mai detto, è che in Italia esiste uno stato senza territorio, con diritto di extraterritorialità e con totale sovranità. Si chiama SMOM, acronimo di Sovrano Militare Ordine Malta. I superficiali diranno, si, ma è un ordine religioso. In ottica religiosa certamente sì, ma in ottica di politica internazionale cosa è? Soprattutto, cosa si intende con Sovrano Militare? L’Ordine non dispone di esercito proprio e, non si comprende in cosa è Sovrano. Cambia la prospettiva, se si considera che lo Smom gode del riconoscimento internazionale e del diritto di extraterritorialità. Al passo seguente, si scopre che gli uomini dello Smom presiedono le trattative internazionali tra gli stati in conflitto, gestiscono di fatto l’OMS ovvero l’Organismo Mondiale della Sanità!! I loro uomini si trovano in tutti i posti chiave della politica, dell’intelligence, dell’economia. Lo Smom è il Vaticano in doppia veste, operativo a livello politico e in occulto, nel mondo. La Svizzera è il suo forziere e punto di forza, per questo pur essendo due stati ufficialmente neutrali, sono i più potenti e armati nel mondo. Controllano e gestiscono l’esercito altrui, compresi i malati, i feriti e le anime dei vivi e dei morti!! Senza il consenso della chiesa e del Vaticano, non si va in paradiso. Ho detto che il Vaticano è creatura ebraica/sionista e, affermo che il governo ombra degli Stati Uniti, altro non è che parte del governo ombra sionista che controlla il mondo. Gli Stati Uniti sono la loro forza militare in Europa e Italia e, Aviano e non solo, sono molto vicini al forziere Svizzera. Il Vaticano e la Svizzera sono neutrali, unicamente perché sono al di sopra delle parti. Mi sono chiesto molte volte, perché questa così intensa attività ufologica in Valtellina. Dibattendo l’argomento con altri ricercatori ufologi, è emersa una opinione prevalente. La Valtellina è un punto strategico, per il controllo del territorio. Così come per il potere sionista, la Svizzera è il centro strategico e il forziere; così per questi alieni, la Valtellina è il punto dal quale controllare tutta la situazione. E’ ormai cosa non più solamente ipotetica, che il governo Usa alias Vaticano, alias potere sionista, avrebbe contratto accordo con una fazione aliena e che, avrebbe rifiutato l’altra. L’altra sarebbe quella della Valtellina, quella che avrebbe voluto far desistere dagli armamenti nucleari. Diventa ovvio ora, perché questa fazione aliena controlli l’altra e gli apparati americani. Diventa altrettanto ovvio per quale motivo, caccia di mezzo mondo, compresi droni di ultima generazione, sono stati visti e fotografati sopra la Valtellina. Diventa ovvio anche perché, la Svizzera alias Vaticano, con riverente consenso italiano, stabilisce una zona che comprende la Valtellina, quale zona in cui spaziare liberamente con i caccia, senza incorrere in malintesi. Diventa inoltre evidente, per quale motivo i caccia non rispettano i 6.600 metri di quota. Scendono in basso per dissuadere gli ufo, per invitarli ad andarsene e per far vedere alla popolazione e non solo, che loro sono lì, ad affermare la loro forza e autorità.

8/3/2012: Il giorno dopo, i giornali riportarono che tre caccia svizzeri avevano erroneamente sconfinato. Peccato che lo avevano fatto mentre vi erano in zona sopra la Valmalenco, anche tre ufo e, peccato che non si trattava di caccia svizzeri ma di F-22!! Ma il CBA, non era unicamente per gli svizzeri e gli italiani? Non sarà mica, che la faccenda è più grande e importante di quanto si sia sino ad ora ipotizzato?? Forse sto esagerando, non può essere vero! Ora voglio accertare meglio. Se le mie sono insinuazioni senza fondamento, è sicuramente possibile dimostrarne l’infondatezza. Se invece la Svizzera è il forziere del potere che controlla il mondo, sicuramente intorno ad esso (forziere), questo potere avrà stabilito il massimo della difesa e dell'attenzione.  Se la Svizzera non ha tutta l’importanza ipotizzata, non vi sarà traccia di strutture difensive particolari intorno a essa.


Quella soprastante, è la cartina che evidenzia dove in Europa sono localizzate le basi americane, in cui ci sono testate nucleari pronte per l’utilizzo. L’Italia la fa da padrone con due basi di importanza strategica fondamentale. La base italiana di Ghedi e la base Nato di Aviano che, assieme, ospitano il 39% dell’arsenale atomico americano, presente in Europa. In quella di Ghedi ci sarebbero 20 testate e ad Aviano 50. Nessun altro paese europeo ha sul suo territorio due basi armate di testate nucleari e, nessun paese ne ha 70, quante l’Italia. Il totale per l’Europa, ammonterebbe a 180 e, la Svizzera neutrale, si trova a due passi dalle basi italiane e al centro della dislocazione totale. Di recente, Obama ha chiesto alla CE, una ingente somma di denaro, per mantenere le testate atomiche in Europa. Ma l’Europa, è stata fatta per mantenere l’arsenale militare Usa sul suo territorio, per conto del Vaticano alias potere sionista? Da tutta questa esposizione, emerge che la Svizzera ha un’importanza particolare che, militarmente deve essere difesa. Nel cielo della Valtellina, quando lo ritengono opportuno, gli alieni mutaforma di questa cultura aliena, si fanno vedere. La cosa irrita il potere militare che interviene a far vedere i muscoli. Gli alieni non se ne vanno, semplicemente scompaiono cambiando frequenza, sono esseri extradimensionali. Se ne vanno i caccia, tornano gli alieni. Sono imprendibili e pacifisti (per il momento). Agli umani il non dimenticarsene e il non sbagliare. Queste entità aliene, non hanno necessità di farsi vedere; possono operare e essere presenti, senza essere viste. Le loro manifestazioni, sono fatte come regalo agli esseri umani, per un fine di presa di coscienza. La cosa irrita le nostre autorità che, faranno di tutto, per screditare quanto avviene; compresa l’iniziativa di mettere in azione gli agenti del discredito.




Nessun commento:

Posta un commento